Andrea Scanzi con la “Terza Repubblica” al Fuori Orario

Andrea Scanzi – Terza Repubblica al Fuori Orario, Venerdi 25 Maggio.

INGRESSO: 15 €
TESSERA ARCI NON NECESSARIA

Come ha fatto Matteo Renzi a distruggere così tanto, e così bene, il centrosinistra? E com’è che siamo passati, o almeno così pare, da “Renzusconi” alla “Terza Repubblica”? Parte da queste domande il nuovo spettacolo di Andrea Scanzi. “Terza Repubblica” è il prosieguo del fortunatissimo “Renzusconi”, che – nato dal bestseller omonimo – ha registrato sold out in tutta Italia nei mesi di gennaio e febbraio 2018, divenendo un vero caso teatrale. Se “Renzusconi” era la fotografia dell’Italia prima del voto, “Terza Repubblica” rappresenta l’istantanea in movimento del post-4 marzo, che ha drasticamente rivoluzionato lo scenario politico italiano. La formula – tipica di Scanzi – è quella della narrazione ironica e graffiante, qua e là intervallata con filmati. Lo spettacolo, sorta di “editoriale live” aggiornato dall’autore di data in data, parte da una ricognizione degli errori di Matteo Renzi, allievo ripetente e sopravvalutato di Berlusconi. Dopo avere elencato i troppi punti in comune tra Renzi e Berlusconi, che ne hanno decretato la vittoria prima (Europee 2014) e le continue disfatte poi, fino ai disastri del 4 dicembre 2016 e 4 marzo 2018, Scanzi analizza lo scenario attuale. Ovvero la cosiddetta “Terza Repubblica”. E quindi Di Maio e i 5 Stelle, la forza più sottovalutata e detestata dai media, chiamata ora alla spericolatissima prova di governo su scala nazionale. E poi Salvini, l’altro grande vincitore delle elezioni. E poi Mattarella, per molti sfinge letargica e per altri salvatore della patria. E quindi il Pd, o quel che ne resta, diviso tra renziani arroccati e orlandiani confusi, ridotto (per ora) alla più mesta marginalità politica. La sinistra in cerca d’autore. Gli strafalcioni di un sempre più stanco Berlusconi. I bocciati, i miracolati e gli eterni imbucati del nuovo Parlamento. Cos’è, sempre ammesso che esista, questa “Terza Repubblica”? E’ una cosa bella o una cosa brutta? Scanzi se lo chiede, non senza paura, tra musiche di Eddie Vedder e Pink Floyd. La sensazione dell’autore è che la fase dell’eterno inciucio – Monti, Letta, Renzi, Gentiloni – abbia partorito per contrasto l’approdo al populismo e una situazione in equilibrio precario tra tutto e niente: da una parte la possibilità di un cambiamento reale, dall’altra il rischio di una restaurazione definitiva.

Date

Mag 25 2018

Time

21:00 - 23:00

Location

Fuori Orario
Via Don Minzoni, 96/b, 42043 Taneto, Gattatico RE