Arte

Dal 08/03- “Nelle pieghe dell’infra ordinario” al Museo Guatelli

Nelle pieghe dell’infra ordinario
a cura di Elisabetta Pozzetti e Mario Turci.  Inaugurazione 8 marzo, ore 15.
Visioni dall’infra ordinario

Abiti, scarpe, ombrelli, borsette, cappelli. Un’installazione volta alla riflessione sulla violenza sul corpo e la dignità della donna.
La scrittura di Pozzetti e Turci cuce la presenza oggettuale, con le pagine dolorose della “Marcia della Morte” fino alle contemporanee “Rotte del Mediterraneo”.

 

Il Museo Ettore Guatelli da sempre pone la propria ragione d’essere sull’esplorazione che dalle cose rimanda all’uomo e viceversa, in un percorso di ideale e indispensabile reciprocità. Il Museo Guatelli non è semplicemente un museo, come convenzionalmente lo si definisce, non è semplicemente un contenitore di cose, ma è un luogo nel quale approdare, ripartire e ritornare. È un giacimento di meraviglie e di narrazioni che sfugge a semplici definizioni che ne circoscrivano lo sguardo.

Ma non solo. Attorno al numero 20 ruotano infatti una serie di importanti coincidenze per il museo di Ozzano Taro: i 20 anni dalla morte del fondatore Ettore Guatelli; la redazione della nuova mission del Museo e le sue 20 parole chiave e 20 oggetti selezionati nel Museo che ispireranno un incontro speciale con le guide del museo.

Il Museo Guatelli rappresenterà pertanto per Parma 2020 un cantiere partecipato d’idee e una fucina di esperienze, nell’ambito di un ricco calendario di iniziative che vedrà la partnership dell’Agenzia di comunicazione Studio Chiesa di Milano e la collaborazione dell’Associazione Amici di Ettore Guatelli e del Museo e del Circolo Rondine di Ozzano Taro.

A cosa serve quindi un museo, se non ad immaginare un futuro?

Venitelo a scoprire al Museo Guatelli a partire dal prossimo 8 marzo.
Il Museo è aperto il sabato e la domenica dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 18.
Da lunedì a venerdì solo su prenotazione al  350.1287867   oppure info@museoguatelli.it

L’ingresso alle esposizioni è gratuito.

You may also like