Incontri Teatro Teatro PRIMO PIANO

Dal 27/2 al 5/3 – “Top Girls” al Teatro Due


TOP GIRLS

di Caryl Churchill
traduzione di Maggie Rose

SPAZIO BIGNARDI
27 / 29 febbraio, ore 20:30
1, 2 e 5 marzo, ore 20:30
3 marzo, ore 16:00

ACQUISTA

con
Sara Putignano, Valentina Banci, Monica Nappo,
Cristina Cattellani, Laura Cleri, Paola De Crescenzo,
Martina De Santis, Corinna Andreutti, Simona De Sarno

scene Barbara Bessi
costumi Daniela Ciancio
luci Luca Bronzo

assistente alla regia Elvira Berarducci

regia Monica Nappo

produzione Fondazione Teatro Due

Quale sia la relazione della donna con il potere e quanto sia possibile avere una posizione di comando senza perdere il proprio femminile sono due domande cruciali di Top Girls. Le stesse domande che possiamo farci noi, avendo per la prima volta una donna a capo del nostro governo, come l’ha avuta l’Inghilterra più di 40 anni fa con la Thatcher, quando questo testo fu scritto. Le domande restano le stesse e il testo è ancora attuale, perché non sembriamo uscire facilmente da questi circuiti. Maternità o carriera? Indipendenza o famiglia? E a che costo l’una prevale sull’altra? Ma soprattutto: quanto ci aiuta la società nel caso volessimo entrambe le cose e le reclamassimo quali nostri diritti naturali? Perché lo sono. O almeno dovrebbero esserlo per tutte.
In Top Girls non ci sono volutamente personaggi maschili. Gli uomini e i loro comportamenti sono o raccontati dai personaggi femminili, oppure assenti perché mandano le loro mogli a risolvere i problemi. Ma lo sguardo della Churchill è troppo compassionevole, crudo, ironico e lucido per far prevalere un sesso su un altro o per darci delle facili risposte. La Churchill ha l’onestà di mostrare i rapporti per quello che sono, pubblici e privati, e di lasciare chi guarda a farsi le stesse domande che si fa anche lei. Alla fine non si salva nessuno, perché il prezzo della propria libertà o emancipazione, è sempre a discapito di qualcun altro.
Perché abbiamo associato la parola Madre a quella di Natura, ma non è detto che insieme abbiano sempre un senso.

Monica Nappo

You may also like