“Balletti meccanici” Cinema e musica sotto il cielo del Labirinto

📽 BALLETTI MECCANICI 🎞
Cinema e musica sotto il cielo del Labirinto.

Dal 2 al 31 agosto 2019 al Labirinto della Masone di Fontanellato (PR).

Balletti Meccanici è la rassegna cinematografica e musicale che il Labirinto della Masone propone per tutto il mese di agosto. Nella piazza centrale del labirinto più grande al mondo cinema e musica si alternano e si intrecciano in undici appuntamenti che comporranno un percorso evocativo e sorprendente.

La rassegna prevede, il venerdì, concerti e sonorizzazioni dal vivo e il sabato una scelta variegata e originale di proiezioni cinematografiche, oltre ad un’ulteriore serata giovedì 8 agosto.

Ad aprire la rassegna, venerdì 2 agosto, sarà il concerto di Mokadelic, band romana tra post-rock, sperimentazione e psichedelia, nota al pubblico per la colonna sonora della serie televisiva Gomorra e dei film Sulla mia pelle e Acab.

Sabato 3 sarà proiettato, alla presenza degli autori, Ephémère. La bellezza inevitabile (2017), il documentario dedicato a Franco Maria Ricci realizzato da Catrina Producciones, vincitore del Best Documentary Award al Salento International Film Festival lo scorso anno. Per l’occasione la collezione d’arte di Franco Maria Ricci sarà visitabile in orario serale fino alle 24.00.

Gli appuntamenti proseguiranno poi giovedì 8 agosto con la proiezione di La strategia del ragno (1970) di Bernardo Bertolucci, che con Franco Maria Ricci coltivò una sincera e lunga amicizia. Il film, liberamente tratto dal racconto dello scrittore argentino Jorge Luis Borges Tema del traditore e dell’eroe e girato tra Sabbioneta e la Bassa parmense, sarà anticipato da una introduzione inedita di Bertolucci che ne amplificherà le suggestioni.

Venerdì 9 agosto sarà la volta di “Live Soundtrack Contest – Viaggi nella Luna: 1902-1969-2019” gara di sonorizzazioni dal vivo organizzata in collaborazione con Squinternofestival Berceto in Pillole, nella quale cinque band si alterneranno sul palco sonorizzando cortometraggi ispirati ai viaggi stellari e allo sbarco sulla luna, celebrandone il cinquantenario. Una giuria selezionata e il voto del pubblico decreteranno il vincitore.

Sabato 10 agosto la rassegna si intreccerà con il consueto appuntamento culinario di San Lorenzo, Stelle per tutti. Accompagnati da alcuni dei primi cortometraggi di Charlie Chaplin sonorizzati dai jazzisti Stefano Calzolari (piano), Stefano Carrara (contrabbasso) e Michele Morari (batteria), alcuni celebri chef stellati proporranno golosi piatti a tema Charlot. Dopocena…stelle per tutti! Dalle 23 le luci si abbasseranno per consentire agli ospiti di ammirare il cielo a caccia di stelle cadenti. Per l’occasione verrà proiettato, per la prima volta all’aperto, il film ★ – STAR (2017) del videoartista austriaco Johann Lurf: un viaggio lungo più di cento anni attraverso i cieli stellati della storia del cinema (da Méliès a Star Wars, dai b-movie di Ed Wood al Grande Lebowski). Proiezione ad ingresso gratuito.

Il venerdì successivo, 16 agosto, salirà sul palco la band C+C=Maxigross per presentare il suo ultimo album intitolato Deserto e ispirato alle opere dello scrittore argentino Jorge Luis Borges, mentre sabato 17 sarà proiettata la versione cinematografica dell’indimenticabile sceneggiato televisivo Ligabue (1977). Il film, un racconto di alcuni episodi della vita di Antonio Ligabue, è stato scritto da Cesare Zavattini, autore del testo della prima monografia sull’artista pubblicata da Franco Maria Ricci nel 1967.

Venerdì 23 agosto, in un evento in collaborazione con la Cineteca di Bologna, gli Earthset presenteranno il loro ultimo progetto: la sonorizzazione live del film muto L’uomo meccanico (1921) di André Deed, uno dei primi film di fantascienza prodotti in Italia, mentre sabato 24 sarà proiettato I misteri del giardino di Compton House (1982), del noto regista gallese Peter Greenaway in collaborazione con Città di Parma nell’ambito delle celebrazioni del ventennale della rassegna estiva I Giardini della Paura.

A chiudere la manifestazione due appuntamenti legati al cinema d’animazione: il primo, venerdì 30 agosto, a cura di Aion Project, è intitolato Tengu no Monogatari, ed è un progetto di sonorizzazione dal vivo di cartoni giapponesi realizzati tra il 1929 e il 1935 mentre sabato 31 sarà proiettato il cartone animato Il cavaliere inesistente (1971), l’unica opera cinematografica tratta direttamente da un lavoro di Italo Calvino, realizzato con tecnica mista e attori da Pino Zac, co-fondatore della rivista Il male insieme a Vauro.

Ogni venerdì sera, al termine dei concerti, la serata proseguirà con un aftershow a ingresso gratuito a cura di Postwar Cinema Club e Al Bambù Cocktail Bar nella corte d’ingresso del Labirinto.

Con il patrocinio di Città di Parma, Parma Capitale Italiana della Cultura 2020 e Comune di Fontanellato.

———–

>> CALENDARIO DEGLI APPUNTAMENTI:

📽 Venerdì 2 agosto: Mokadelic live.
Aftershow: Night Movie: Video & Music Selection by Billy Bogus, Live Sax & Flute by Luke Hunter

📽 Sabato 3 agosto: proiezione di Ephémère (2017) di Simone Marcelli, Barbara Ainis e Fabio Ferri (alla presenza degli autori). Apertura straordinaria delle Collezioni d’Arte Franco Maria Ricci fino alle 24.00

📽 Giovedì 8 agosto: proiezione di La Strategia del ragno (1970) di Bernardo Bertolucci Introdotta da un video inedito dell’autore.

📽 Venerdì 9 agosto: “Live Soundtrack Contest – Viaggi nella luna: 1902-1969-2019” (in collaborazione con Squinternofestival Berceto in Pillole e con la partecipazione di Associazione Superfamiglia APS, Officina Arti Audiovisive Parma e Wendy Film).
Aftershow: Funcis Dj Set

📽 Sabato 10 agosto: Stelle per tutti. Con sonorizzazioni dal vivo di cortometraggi di Charlie Chaplin da parte di Stefano Calzolari (piano), Stefano Carrara (contrabbasso) e Michele Morari (batteria).
Aftershow ad ingresso gratuito: proiezione di ★ – STAR (2017) di Johann Lurf

📽 Venerdì 16 agosto: C+C=Maxigross live.
Aftershow: Frank Sinutre Live Set

📽 Sabato 17 agosto: proiezione di Ligabue (1977) di Salvatore Nocita

📽 Venerdì 23 agosto: Earthset, sonorizzazione live de L’uomo meccanico (1921) di André Deed (in collaborazione con Fondazione Cineteca di Bologna).
Aftershow: Balletti Meccanici Dj Set

📽 Sabato 24 agosto: proiezione di Il mistero dei giardini di Compton House (1982) di Peter Greenaway (in collaborazione I Giardini della Paura-Città di Parma) Proiezione in V.O con sottotitoli in italiano

📽 Venerdì 30 agosto: Aion Project – Tengu no Monogatari, sonorizzazione live di animazioni giapponesi.
Aftershow: Nice Strangers Dj Set

📽 Sabato 31 agosto: proiezione di Il cavaliere inesistente (1971) di Pino Zac

———–

>> ORARI E COSTI
Tutti gli appuntamenti avranno inizio alle 21.30. Durante la serata sarà possibile passeggiare all’interno del labirinto fino alle ore 23.00. Il biglietto di ingresso ha un costo di 10 euro acquistabile a partire dalle 19.00 presso la biglietteria del Labirinto della Masone.

Gli aftershow del venerdì, ad ingresso gratuito, partiranno alle 23.00 circa presso la corte d’entrata del Labirinto della Masone, dove sarà attivo il nuovo Al Bambù Cocktail Bar.

———–

>> RISTORAZIONE
Durante tutti gli appuntamenti sarà attiva la ristorazione Spigaroli.
In corte d’ingresso, al ristorante Al Bambù – Ristorante al Labirinto, oltre al menù alla carta, sarà disponibile una propo-sta a tema “Pre Cinema”. L’Hosteria della Masone proporrà, invece, piatti veloci e degustazioni di salumi. Novità di quest’estate è l’apertura di “Al Bambù Cocktail Bar”, con liquori esotici e tecniche di miscelazione sia classiche che moderne.
Nella corte centrale del complesso, sede degli spettacoli, sarà presente un servizio ristoro con bevande fresche e pop-corn sempre a cura di Al Bambù Cocktail Bar.

Per informazioni e prenotazioni:
Mail: info@ristorazionelabirinto.it /Tel: 05211855372

———–

>> INFORMAZIONI E CONTATTI:

Per informazioni sulla rassegna
Mail: eventi@francomariaricci.com
Tel: 0521827081
Labirinto della Masone
Strada Masone 121
Fontanellato (PR)

Ufficio stampa Labirinto della Masone
Orsola Bontempi
Mail: press@francomariaricci.com
Tel. 0521827081

http://www.labirintodifrancomariaricci.it/it/evento/balletti-meccanici/!eyJtIjoiUDE0MzM3IiwiYyI6IlA5MDQzIn0

La rassegna “I giardini della paura” con special guest Dario Argento

Giovedì 11 LUGLIO – TEATRO REGIO, h 21.30:
DARIO ARGENTO presenta OPERA (1987)
💀
Venerdì 12 LUGLIO
-Auditorium Palazzo del Governatore, h 17.30:
Dario Argento: tra regia e scrittura. Con Aldo Lado
-Giardini di San Paolo h 21.30:
ALDO LADO presenta L’ULTIMO TRENO DELLA NOTTE (1975)
DARIO ARGENTO presenta GLI INCUBI DI DARIO ARGENTO (1987)
Modera Manlio Gomarasca.
💀
Ingresso Libero

Marco Bellocchio al Festival della Lentezza 2019

Marco Bellocchio
per
Progetto Itaca Parma

A 44 anni dalle riprese di “Matti da slegare” il regista dialoga con gli autori del volume “Bisognava provarci. Parma e la malattia mentale:
dal manicomio ai servizi psichiatrici territoriali”

Festival della Lentezza 2019
Sabato 15 giugno, ore 18 – Aranciaia di Colorno
A seguire (ore 20.30) proiezione di “Matti da slegare”
Ingresso libero fino ad esaurimento posti

Prima metà degli anni Settanta, autostrada A1, autogrill San Martino, nei pressi di Parma: Mario Tommasini è seduto a un tavolino del bar insieme a Marco Bellocchio. Il primo è assessore all’Ospedale Psichiatrico di Colorno dal 1965 e da quasi 10 anni si sta battendo per la sua chiusura: ora ha bisogno di “fare vedere qualcosa” al grande pubblico, di mostrare al mondo la propria rivoluzione. Il secondo ha già girato, tra gli altri, I pugni in tasca, La Cina è vicina, Nel nome del padre, Sbatti il mostro in prima pagina: ascolta Tommasini, sposa le idee, si convince. Nasce da questo incontro Matti da slegare, il film-documentario del 1975 diretto da Bellocchio insieme a Silvano Agosti, su sceneggiatura di Sandro Petraglia e Stefano Rulli, che Paolo Mereghetti nel suo dizionario definirà “uno dei pochi esempi davvero convincenti di cinema militante italiano”: finanziato dall’Amministrazione Provinciale di Parma, raccoglie dalla viva voce di alcuni malati di Colorno il racconto delle loro storie e delle loro vite, sospese tra il manicomio e le neonate soluzioni alternative che il movimento anti-istituzionale stava costruendo sul territorio.

A distanza di 44 anni Marco Bellocchio torna a Colorno per rivivere con il pubblico la sua esperienza: il prossimo sabato 15 giugno il regista sarà infatti ospite di Progetto Itaca Parma, associazione di volontari per la salute mentale, nell’incontro intitolato “Colorno, 1975: bisognava provarci” e inserito nel programma del Festival della Lentezza 2019.

L’occasione è l’uscita del volume “Bisognava provarci. Parma e la malattia mentale: dal manicomio ai servizi territoriali”, promosso da Progetto Itaca Parma e presentato lo scorso 18 maggio in un Palazzo del Governatore gremito di pubblico: un’appassionante ricerca storico-antropologica sul ruolo altamente originale e innovativo svolto dalla città emiliana nel movimento che a livello nazionale ha portato alla legge 180/1978 e alla nascita dei servizi territoriali per la salute mentale. “Bisognava provarci – si legge sul risvolto di copertina del libro, edito da Grafiche Step e firmato da Valerio Cervetti, Ilaria Gandolfi e Paola Gennari – è la storia dell’Ospedale Psichiatrico di Colorno e della comunità che seppe chiuderlo. Immaginandosi una risposta diversa alla malattia mentale: mai del tutto formulata, mai del tutto compiuta. Su cui ancora oggi si interroga”.

Nell’appuntamento del 15 giugno, in programma alle ore 18 all’Aranciaia di Colorno, Marco Bellocchio dialogherà con gli autori del libro e con Pietro Pellegrini, Direttore del Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze Patologiche dell’Ausl di Parma, che patrocinato il volume e collaborato alla sua stesura. Modererà l’incontro Gabriele Balestrazzi, storico giornalista del gruppo Gazzetta di Parma e docente di giornalismo laboratoriale all’Università di Parma.
Sempre in Aranciaia, ma alle 20.30, si svolgerà la proiezione di “Matti da slegare”; entrambi gli appuntamenti sono ad ingresso libero sino ad esaurimento posti.

Il libro “Bisognava provarci” è disponibile presso la sede di Progetto Itaca Parma, che si trova in borgo Pipa 3/a ed è aperta dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 16. Per informazioni 0521 508806 – 0521 683497, www.progettoitacaparma.org o info@progettoitacaparma.org

Consulta qui il programma completo del Festival della Lentezza 2019, dedicato all’idea poetica del “tempo che aggiusta le cose”: https://lentezza.org/edizione-2019/

Prima visione del film documentario «”Màt” Sicuri l’ultimo Diogene»

Prima visione del film documentario «”Màt” Sicuri l’ultimo Diogene»

Giovedì 28 marzo, alle 21 al Cinema Astra di Parma, il docufilm sul clochard Enzo Sicuri, 
di Francesco Dradi, Fabrizio Marcheselli e Antonio Cavaciuti, con Alvaro Evangelisti 
e Alessandro Haber: biglietti a 8 euro, prevendite su www.matsicuri.it e all’Astra

Una vita votata alla pura libertà ed essenzialità, quella di Enzo “Màt” Sicuri. Per rendere omaggio a questa sua filosofia e tramandarne la memoria, i giornalisti Francesco Dradi, Fabrizio Marcheselli e Antonio Cavaciuti hanno scritto, girato e prodotto il film documentario «“Màt” Sicuri l’ultimo Diogene», che verrà proiettato in prima visione assoluta giovedì 28 marzo 2019 alle ore 21 al Cinema Astra di Parma; biglietti a 8 euro in prevendita sul sito www.matsicuri.it e all’Astra in piazzale Volta 3. 

Iniziato nel marzo 2018, trentennale della morte del popolare clochard parmigiano (1907-1988), il docufilm ha preso forma in 12 intensi mesi, con l’audio inedito dell’unica intervista concessa da Sicuri (negli anni ’80), foto originali, documenti rari e le testimonianze di chi lo conobbe e frequentò, un evocativo trait d’union tra la Parma di una volta e quella contemporanea, dal grande giornalista Giorgio Torelli ai titolari di storici negozi del centro. 

Due gli attori: Alvaro Evangelisti, diplomato all’Accademia di belle arti di Bologna, interprete di un Sicuri particolarmente “lirico”, e il celebre Alessandro Haber, già protagonista di 130 film, vincitore di un David di Donatello e quattro Nastri d’Argento per il cinema, qui nel ruolo di Dante Spaggiari, incisore di metalli preziosi, filosofo anarchico e autore di aforismi, ma soprattutto mentore di Sicuri. Poi l’amichevole partecipazione “vocale” del noto speaker radiofonico parmigiano Mauro Coruzzi.

Il programma di giovedì 28 al Cinema Astra prevede alle 20.15 l’apertura delle porte, alle 21 la visione del docufilm (durata 30 minuti circa), a seguire l’intervento dei tre autori, moderati dal critico cinematografico Filiberto Molossi, quindi il saluto degli attori e la proiezione di altre testimonianze e aneddoti (20 minuti circa). La stessa sera verrà pubblicato il dvd del film documentario, arricchito da alcuni contenuti speciali. 

Matto o filosofo? Enzo Sicuri era un clochard per scelta, nella sua città, Parma. Dopo un’infanzia normalissima aveva deciso di vivere sotto le stelle, rifiutando qualsiasi imposizione. Tutti, o quasi, lo chiamavano “Màt”. Ma Enzo adorava le poesie, i libri e la musica lirica. Trascorreva le giornate e le notti nei borghi tra il Teatro Regio e piazza Duomo, non chiedeva l’elemosina e riciclava cartoni per pagarsi un piatto di minestra. Il suo motto era “Nella vita si può fare a meno di tutto, tranne che dell’aria per respirare”, desunto dal “maestro” Dante Spaggiari. Sicuri è lunico clochard a cui sia stato dedicato un monumento in Italia, con nome e cognome: opera dello scultore Maurizio Zaccardi nel 2004, in centro a Parma, piazzale della Macina.

Per realizzare il docufilm «“Màt” Sicuri l’ultimo Diogene», gli autori Dradi, Marcheselli e Cavaciuti si sono avvalsi del fondamentale supporto di diversi parmigiani, di una settantina di generosi sostenitori attraverso il crowdfunding e di 15 importanti sponsor “made in Parma”: Iren Comitato territoriale di Parma, Fondazione Cariparma, Fondazione Monteparma, Emil Banca, Ocme, Cartongraf, Coop Alleanza 3.0 Consiglio di zona Parma Est, Cigno Verde cooperativa sociale onlus, Impresa Allodi, La Giovane, Coop Multiservice, Parma 80, Euro Torri, Scatolificio Magnani e Ad Personam.

Incontro per “Voci dal Silenzio” il documentario sull’esperienza eremitica in Italia

Incontro relativo a Voci dal Silenzio, il documentario sull’esperienza eremitica in Italia, in programma mercoledì 6 marzo (h.21.00) presso la Sala Csen di Parma. Per l’occasione sarà presente in sala il regista Joshua Wahlen che interverrà, al termine della visione, per incontrare il pubblico e raccontarci di questa sua esperienza tra gli eremi d’Italia.

Frutto di un lungo viaggio lungo la penisola italiana, il documentario raccoglie al suo interno le storie dei nuovi eremiti italiani. Le loro testimonianze, costruite nel silenzio e nel raccoglimento, diventano un invito a prendere coscienza della responsabilità che abbiamo nei confronti degli altri, di noi stessi e della natura circostante, suggerendo nuove strade e nuovi modi di abitare il mondo.

PARMA MERCOLEDI’ 6 MARZO
SALA CSEN, Via Luigi Anedda 5/A
Ore 20.30: proiezione
Ore 21.30: incontro con l’autore
Per avere maggiori informazioni e restare aggiornati sull’evento: Voci dal Silenzio a Parma

VOCI DAL SILENZIO
Vincitore della call “Life” indetta da Infinity, recentemente premiato al Concorso Internazionale Vittorio De Seta, Premio d’eccellenza al Festival of Visual Cultures Prospe(c)tiva B.r.i.o., presentato in anteprima alla XXI ed. del CinemAmbiente di Torino, Voci dal Silenzio è entrato in pochi mesi a far parte delle selezioni ufficiali di numerosi festival cinematografici, nazionali e internazionali, tra cui il Branson International Film Festival in Missouri (USA), il Festival International de Cinéma et mémoire commune di Nador (Marocco) e il Diorama International Film Festival di New Delhi (India)

Il documentario, realizzato attraverso una campagna di crowdfunding di successo, vede tra gli altri la collaborazione della Film Commission Piemonte Torino, di PdB, di Terra Nuova Edizione e Italia che Cambia.

Presentazione di “Poltrone Rosse” di Francesco Barilli

Presentazione del documentario di Francesco Barilli in edicola, in DVD, con la Gazzetta di Parma, dal 1/02. Insieme al regista parteciperanno l’Assessore Michele Guerra, il critico cinematografico Filiberto Molossi e il montatore Nicola Tasso.

Palazzo del Governatore
p.zza Garibaldi, 43100 Parma

La visione di “Un americano a Parigi” al Teatro Due

UN AMERICANO A PARIGI
Film
di Vincente Minnelli

Teatro Due,
Sabato 24 novembre ore 17.30

Debutta a Teatro Due in prima nazionale l’1 dicembre 2018 alle ore 20.30 (con repliche fino al 4 dicembre) George Gershwin. My time is today, nuova produzione di Fondazione Teatro Due e Fondazione Arturo Toscanini, creazione che racconta, attraverso la musica di uno dei massimi compositori americani del Novecento, la tensione che percorre la breve esistenza e l’intensa parabola creativa di George Gershwin.
Lo spettacolo sarà interpretato da Massimiliano Sbarsi, Fiorella Ceccacci Rubino e il pianista Francesco Melani diretti da Rosetta Cucchi a partire dal testo di Luigi Ferrari.
In attesa del debutto, Fondazione Teatro Due propone al pubblico la visione di uno dei film più premiati nella storia degli Oscar (ne prese ben 6), un capolavoro hollywoodiano illuminato dalle musiche di George Gershwin: Un americano a Parigi del 1951 di Vincente Minnelli con Gene Kelly e Leslie Caron che sarà proiettato a Teatro Due sabato 24 novembre alle ore 17.30. La celeberrima commedia sentimentale musicale in cui l’americano Jerry Mulligan giunge nella Ville Lumière dopo la fine della Prima Guerra Mondiale per abbracciare finalmente la vera passione della sua vita, cioè la pittura, e dove incontra l’amore della giovane Lise, è annoverata fra i massimi capolavori del cinema del Novecento. Su una trama da musical, Minnelli regista e Kelly ballerino-cantante-attore-coreografo, costruiscono un’opera composita che figura benissimo nell’arte del Novecento fondendo diversi generi e proponendo una ricostruzione parigina mediante un omaggio ai pittori impressionisti, in particolare a Toulouse Lautrec.
Naturalmente nel successo di quello che è stato definito il più elegante dei musical classici, è determinante la musica di George Gershwin che, intrecciata alle coreografie di Kelly e alle straordinarie – quasi fantasmagoriche – scenografie ha prodotto numeri straordinari e visivamente bellissimi.
Tutte le canzoni, con parole composte da Ira Gershwin e cantate oltre che da Kelly anche dallo “chansonnier” Paul Guétary, idolo parigino, sono classici indimenticabili, da Tra-la-la a I Got Rythm, da So Wonderful a Our Love is Here To Stay.

Informazioni e biglietteria: tel. 0521.230242 – biglietteria@teatrodue.org – www.teatrodue.org

“EFFIMERO SOVRANO” la prima rassegna di cinema in costume a Parma

EFFIMERO SOVRANO – PRIMA RASSEGNA DI CINEMA IN COSTUME A PARMA
A cura di Alessandro Malinverni

L’Accademia Nazionale di Belle Arti di Parma e il Comune di Parma – Assessorato alla Cultura con il Cinema Astra organizzano la prima rassegna a Parma dedicata al cinema in costume. In occasione dei 400 anni del Teatro Farnese e in concomitanza con la mostra Il dovere della festa. Effimeri barocchi farnesiani a Parma, Piacenza e Roma (1628-1750), promossa dalla Fondazione Cariparma e dal Complesso Monumentale della Pilotta, tale rassegna è incentrata sull’effimero nel Seicento. Ideata dagli accademici Alessandro Malinverni, Carlo Mambriani e Alberto Nodolini, e curata dallo stesso Malinverni, si sviluppa attorno a quattro film e a cinque incontri collaterali pensati per un vasto pubblico. I film trattano dell’architettura dei giardini nella Francia del Re Sole (Le regole del caos); delle feste e dei banchetti alla corte del principe di Condé (Vatel); della vita teatrale nell’Inghilterra di Carlo II (Stage Beauty); del contributo diretto del Re Sole nel campo degli spettacoli (Le Roi danse). Gli incontri collaterali mirano ad approfondire gli aspetti storico-artistici trattati nelle pellicole, con uno sguardo rivolto alla città: l’inaugurazione del Teatro del Convitto Maria Luigia, visite guidate “speciali” al Teatro Farnese e alla mostra Il dovere della festa, una giornata di studi e una tavola rotonda a conclusione delle proiezioni.

La rassegna è possibile grazie alla collaborazione di:
Complesso Monumentale della Pilotta
Fondazione Cariparma
Centro Studi e Valorizzazione delle residenze ducali di Parma e Piacenza
Convitto Maria Luigia
Circolo di Lettura di Parma
FAI di Parma
Associazione Il Cavaliere Blu

FILM

– SABATO 3 NOVEMBRE Cinema Astra, ore 15.00 LE REGOLE DEL CAOS di Alan Rickman (Gran Bretagna 2014)

– SABATO 10 NOVEMBRE Cinema Astra, ore 15.00 VATEL di Roland Joffé (Francia, Gran Bretagna, Belgio 2000)

– SABATO 24 NOVEMBRE Cinema Astra, ore 15.00 STAGE BEAUTY di Richard Eyre (Gran Bretagna/Germania/USA 2004)

– SABATO 1° DICEMBRE Cinema Astra, ore 15.00 LE ROI DANSE di Gérard Corbiau (Belgio, Francia, Germania 2000) Proiezione in lingua francese, con sottotitoli in francese

INCONTRI COLLATERALI

– VENERDÌ 26 OTTOBRE Convitto Nazionale «Maria Luigia», ore 17.30 Inaugurazione del teatro con le conversazioni di Carlo Mambriani, “I teatri dei Convittori dal Seicento a oggi”, e di Tiziano Fusi, “Il restauro del teatro”. Ingresso libero fino a esaurimento posti.

– GIOVEDÌ 8 NOVEMBRE Palazzo Bossi Bocchi-Fondazione Cariparma, ore 15.00 e ore 16.00 Visite guidate con Francesca Magri, Alessandro Malinverni e Carlo
Mambriani alla mostra Il dovere della festa. Effimeri barocchi farnesiani a Parma, Piacenza e Roma (1628-1750). Ingresso libero fino a esaurimento posti.

– VENERDÌ 16 NOVEMBRE Teatro Farnese, ore 17.00, Visita guidata al Teatro Farnese con Carlo Mambriani. Ingresso libero fino a esaurimento posti.

– VENERDÌ 23 NOVEMBRE Voltoni della Pilotta, dalle 9.30 alle 18.00 Giornata di studi Il Teatro Farnese di Parma 1618-2018 Per maggiori informazioni: www.pilotta.beniculturali.it Ingresso libero.

– GIOVEDÌ 6 DICEMBRE Convitto Nazionale «Maria Luigia», ore 17.30 “L’effimero dalla realtà al cinema”, tavola rotonda coordinata da Francesca Dosi con Michele Guerra, Francesca Magri, Alessandro Malinverni, Carlo Mambriani, Diego Saglia. Ingresso libero.

– 22-24 FEBBRAIO 2019 “I Fasti dei Farnese a Roma” – Viaggio esclusivo nella città eterna a cura di Alessandro Malinverni e Carlo Mambriani. Per info: Simoni Viaggi 0521

This Is Måneskin: Il docu-film sulla band rivelazione di X-Factor nei The Space Cinema

This Is Måneskin: Il docu-film sulla band rivelazione di X-Factor nei The Space Cinema
I Måneskin presenteranno il film evento esibendosi live al The Space Cinema Parco de’ Medici di Roma e contemporaneamente in diretta in tutte le sale del circuito

This is Måneskin è un film a quattro voci e otto mani, un contenuto inedito scritto direttamente dai protagonisti, seguiti nelle riprese durante le fasi più delicate del proprio lavoro creativo. La voglia di farcela e le difficoltà del mestiere, ma non solo: il film è il racconto di un sogno che diventa realtà. La storia di quattro ragazzi passati dall’esibirsi nei locali di provincia a conquistare il pubblico di uno dei talent più seguiti della televisione italiana.

Il film che racconta la storia dei Måneskin arriva nelle sale del circuito The Space in un’unica data: il 24 ottobre alle 20:30. Distribuito da Vision Distribution, l’evento sarà presentato proprio dalla giovanissima band, che si esibirà in una performance live al TSC di Parco de’ Medici a Roma e trasmessa contemporaneamente in diretta streaming in tutti i The Space Cinema.

Il documentario sarà anche l’occasione per celebrare il primo vero progetto discografico di Damiano, Ethan, Victoria e Thomas, “Il Ballo della Vita”. Dalle selezioni di X-Factor al primo tour, gli spettatori potranno ripercorrere i momenti in cui i quattro ragazzi stringono in modo insolubile il rapporto di amicizia fra loro e imparano a mantenere in equilibrio i ritmi professionali serrati e la vita da adolescenti, trovando il tempo anche per la famiglia e gli amici di sempre. Un collage mai realizzato prima d’ora, con un montato unico nel suo genere che ripercorre la vita artistica dei Måneskin, per comprenderne le emozioni, le tensioni e il loro talento in modo inedito e sorprendente.

Sarà possibile assistere a This is Måneskin anche con The Space Pass, l’abbonamento che consente la visione di tutti i film ed eventi in programmazione ogni giorno nei cinema The Space a soli 15,90 euro al mese.

Le prevendite per l’evento sono aperte e disponibili al seguente link: http://bit.ly/ManeskinTheSpace

Imagine – Il ritorno di John Lennon e Yoko Ono nei cinema The Space

Imagine – Il ritorno di John Lennon e Yoko Ono nei cinema The Space

L’8 , 9 e 10 ottobre il film evento restaurato in digitale per un’occasione speciale

Il 9 ottobre 1940 nasceva John Lennon, uno dei più rappresentativi musicisti del secolo. In occasione delle celebrazioni mondiali per la sua nascita, per la prima volta sul grande schermo sarà possibile godere di Imagine, l’iconico film prodotto e diretto da John Lennon e Yoko Ono, che unisce momenti di fiction a scene autentiche di un giorno qualunque della loro mistica e psichedelica vita.

L’ 8, 9 e 10 ottobre nelle sale del circuito The Space Cinema, i fan di John Lennon e dei mitici Beatles avranno modo di riscoprire Imagine in modo del tutto inedito, rivivendone colori e suoni originali in un mix fra mito, sogno e realtà; un mondo che solo la visionaria coppia avrebbe potuto creare. Gli spettatori potranno seguire i due protagonisti durante le sessioni di registrazione dello storico album, da Londra a New York, insieme a numerosi ospiti speciali fra cui George Harrison, Fred Astaire, Andy Warhol, Dick Cavett, Jack Palance e Jonas Mekas.

Dal 1972 direttamente ai giorni nostri, interamente restaurato dai rulli originali e con il remix audio di Paul Hicks, pluripremiato ai Grammy. Il film sarà accompagnato da 15 minuti di contenuti inediti imperdibili per tutti gli appassionati.

La visione del docufilm è inclusa nella programmazione cui è possibile assistere anche con The Space Pass, l’abbonamento che consente la visione di tutti i film ed eventi ogni giorno nei cinema The Space a soli 15,90 euro al mese.

Un Film per Raccontare la Fibrosi Cistica e Sconfiggerla

Un Film per Raccontare la Fibrosi Cistica e Sconfiggerla. 

Proiezione a Monticelli Terme con Lifc Emilia e Aido

 

Lega italiana fibrosi cistica Emilia, in collaborazione con Aido (Gruppo “Stefano e Daniela”) organizzano una serata speciale, ad ingresso libero, venerdi, 12 ottobre, alle ore 21,00, presso Sala conferenze Hotel delle Rose, via Montepelato Nord 4 a Monticelli Terme (PR)

Il pubblico avrà l’occasione di assistere alla proiezione di “ASPETTANDO LA CURA, LA VITA CON LA FIBROSI CISTICA”, il primo documentario italiano interamente dedicato alla fibrosi cistica.  La proiezione sarà un’importante occasione per diffondere la conoscenza della malattia e implementare la sensibilizzazione sul tema della donazione di organi, oltre che testimoniare la vicinanza ai pazienti in attesa di trapianto.

Alla serata saranno presenti i rappresentanti dell’Associazione LIFC Emilia e AIDO accompagnati dal regista e da alcuni tra i giovani protagonisti del documentario che porteranno anche in questa occasione la loro storia e testimonianza.

Finora non è stata individuata una cura definitiva per la fibrosi cistica, per questo motivo è importante coinvolgere l’opinione pubblica e soprattutto i giovani, in qualità di futuri genitori, donatori, colleghi, compagni di scuola e rappresentanti di quella cittadinanza attiva del domani, positiva che si fa carico delle criticità poste al suo interno.

Il documentario, nato da un’idea di LIFC Emilia e firmato dal regista Stefano Vaja, fotografo e videomaker che si occupa di reportage sociale, teatro, etnografia, porta sul video le testimonianze di consapevolezza e coraggio dei pazienti affetti da fibrosi cistica.

Quella che emerge dal film documentario è una storia corale di sofferenza e speranza, di dolore e ironia. Le testimonianze che i pazienti ci regalano sono un esempio di consapevolezza e coraggio, anche nell’attesa per un indispensabile trapianto. La riflessione riguarda questa malattia nello specifico, ma si allarga poi a considerazioni di carattere generale, sul senso da dare al tempo che ci è concesso vivere e su quanto sia importante la decisione di donare i propri organi e tessuti. Riflessioni che coinvolgono tutti.

LIFC Emilia onlus, l’Associazione che da oltre 30 anni si occupa di solidarietà concreta verso i malati affetti da fibrosi cistica e le loro famiglie, ha voluto dare loro voce attraverso la produzione di un film-documentario a tematica sociale in cui i malati si raccontano in prima persona. Un viaggio tra emozioni diverse che si intrecciano in modo semplice e spontaneo e che penetrano con forza nel cuore dello spettatore.

La Fibrosi Cistica è la malattia genetica grave più diffusa, ma resta una malattia poco conosciuta all’opinione pubblica. E’ una malattia multiorgano, che coinvolge in particolare i polmoni che, nei casi più gravi, è necessario trapiantare. I portatori di fibrosi cistica sono circa il 4% della popolazione, cioè 1 persona ogni 25. Una coppia costituita da due portatori sani avrà un rischio del 25% di generare figli malati. Oggi è possibile riconoscere i portatori sani con il test del portatore, dietro richiesta del medico curante. Ancora però non esiste screening tra adulti in età riproduttiva.

La proiezione di “Processo per stupro” in Piazzale Inzani dalle 21

Non una di meno Parma

“Processo per stupro”

Piazzale Inzani, Giovedì 4 ottobre 2018, ore 21.00

NON ACCONSENTO

Se le parole di un processo per stupro non cambiano mai.

Se ad essere processate sono ancora le vittime e non gli imputati.

Se attraverso un uso improprio della parola consenso, la violenza e le sevizie possono diventare lecite.

Se i privilegi dell’uomo ricco, bianco che si crede (ed è creduto) forte e autorevole possono indurre ancora a pensare che … “in fondo è lei che se l’è cercata…”

Se nel 2018 denunciare uno stupro significa ancora sottoporsi al giudizio e alla gogna mediatica

Allora abbiamo bisogno di ritrovarci e di capire cosa non va, cosa si è perso per strada, cosa si è fermato, cosa, probabilmente, non è mai cambiato.

Quarant’anni fa, sei filmakers e registe italiane entrarono in un’aula di tribunale durante un processo per violenza sessuale e ripresero il dibattimento.

Ne venne fuori Processo per stupro, un docufilm trasmesso dalla Rai nel 1979 e seguito da oltre tre milioni di spettatori e spettatrici.

Oggi vogliamo rivederlo insieme, per chiederci se sia legittimo che, nei processi per violenza, le forme, i modi, le parole che cadono sulle vittime siano sempre le stesse.

  Ci vediamo tutte giovedì 4 ottobre in piazzale Inzani  alle 21.00

 con l’adesione di

Agedo, Art Lab, Centro antiviolenza Parma, Centro studi movimenti, Ciac, FestinaLente Teatro, Uaar, Tuttimondi, Vagamonde, ZonaFranca Parma.

Maratona “Mission: Impossible!” nei cinema The Space

Appuntamento al The Space mercoledì 29 agosto con gli ultimi due film della saga
con protagonista Tom Cruise: Rogue Nation e Fallout

Roma, 21 agosto 2018 – Ethan Hunt, l’agente segreto dell’Impossible Mission Force interpretato da Tom Cruise, sta per fare ritorno nelle sale con Fallout, il sesto titolo della saga. Mercoledì 29 agosto, giorno dell’uscita al cinema, The Space lancia la speciale Maratona Mission: Impossible!, durante la quale saranno proiettati consecutivamente Rogue Nation, quinto capitolo della serie, e a seguire l’attesissimo Fallout.

La cinemaratona, che avrà luogo in tutti i cinema del circuito The Space, inizierà alle 20.05 con Mission: Impossible – Rogue Nation (2015), di Christopher McQuarrie, per poi proseguire alle 22.30 con Mission: Impossible – Fallout, diretto dallo stesso regista.

Per questo evento è previsto il refill dei pop-corn: chi acquista un pop Maxi potrà riempire illimitatamente il proprio cesto per tutta la durata della maratona.

L’anteprima è inclusa nella programmazione cui è possibile assistere con The Space Pass, l’abbonamento che consente la visione di tutti i film ed eventi in programmazione ogni giorno nei cinema The Space a soli 15,90 euro al mese. Richiedendo The Space Pass entro il 31 agosto, si avrà diritto a due mesi gratuiti.

Di seguito il programma della serata:

Maratona Mission: Impossible! (evento nazionale)

“Artisti contro – Van Gogh e Schiele dalla tela allo schermo” al cinema Astra

“Artisti contro – Van Gogh e Schiele dalla tela allo schermo”
Giovedì 19 e 26 luglio doppia proiezione all’Astra dedicata al cinema d’arte. Presentazione a cura di Alessandro Malinverni.

Il cinema Astra propone una rassegna, inserita nella programmazione estiva della sala d’essai, dedicata al cinema d’arte: “Artisti contro – Van Gogh e Schiele dalla tela allo schermo”. I due titoli, “Loving Vincent” (giovedì 19 luglio ore 21.30) ed “Egon Schiele” (giovedì 26 luglio ore 21.30) saranno introdotti al pubblico dallo storico dell’arte Alessandro Malinverni.

Entrambi i film si sono imposti di recente per il successo di critica e di pubblico: dedicati a due giganti dell’arte occidentale, capaci di traghettare la pittura nella contemporaneità, raccontano non solo le fasi salienti della carriera di Van Gogh e Schiele, ma anche le loro vicende biografiche, permet­tendo allo spettatore di accostarsi alla sfera privata dell’uomo-artista. Sul grande schermo scorrono così i luoghi amati e abitati, gli amori e gli affetti, ma anche la vulnerabilità, la solitudine, l’incomprensione sofferte da questi due geni, capaci di sfidare le convenzioni pur di mantenersi coerenti a un rivoluzionario credo artistico.

Gli appuntamenti sono organizzati in collaborazione con l’assessorato alla Cultura del Comune di Parma.

Loving Vincent (di Dorota Kobiela e Hugh Welchman, GB, Polonia 2017, 94’) è un lungometraggio poetico e seducente che mescola arte, tecnologia e pittura: si tratta infatti del primo film interamente dipinto su tela, per la cui realizzazione sono stati rielaborati oltre cento quadri del celebre autore. Nominato agli Oscar e ai Golden Globe 2018 come miglior film d’animazione, ripercorre le vicende che portano il giovane Armand Roulin ad incontrare persone e luoghi fondamentali nella vita di Vincent van Gogh, scoprendone poco a poco la vita tormentata e la straordinaria opera che ha saputo produrre.

Egon Schiele (di Dieter Berner, Austria, Lussemburgo 2016, 110’) si concentra sul rapporto che il giovane, provocatorio e affascinante pittore (interpretato sul grande schermo dal talentuoso Noah Saavedra) ebbe con le due donne che in particolare hanno condizionato la sua vita e la sua espressione artistica: la giovane sorella Gerti, e la diciassettenne Wally, sua prima musa, forse l’unico vero grande amore della sua vita, immortalata nel celebre dipinto “La morte e la fanciulla”. Fra scandalo e successo, quando lo scoppio della prima guerra mondiale minaccerà la sua ricerca e libertà artistica, Schiele sceglierà di sacrificare alla sua arte l’amore e la vita stessa, facendo del dolore e del disagio esistenziale la cifra stilistica che lo consacrerà tra i maggiori interpreti dell’Espressionismo.

Ingresso. Intero: € 7,00 Ridotto studenti e over60: € 5,50 Ridotto Argento Vivo: € 4,50

In caso di maltempo le proiezioni si terranno nella sala interna del Cinema Astra

Info: Cinema Astra, piazzale A. Volta 3, Parma tel.: 0521960554 www.cinemastra.it cinema@comune.parma.it

 

Torna il film di VASCO MODENA PARK nei cinema

VASCO MODENA PARK – IL FILM
Torna il concerto dei record dal 16 al 18 luglio in tutti i The Space Cinema.

SPETTACOLI IN PROGRAMMAZIONE
Scopri orari e cinema di Parma

Festival di cinema itinerante contro le mafie

LIBERO CINEMA IN LIBERA TERRA
Festival di cinema itinerante contro le mafie
13ª edizione – 17 luglio / 12 ottobre 2018

«I più grandi nemici della mafia sono la cultura e la conoscenza. Il suo miglior amico è l’ignoranza. Proprio quella che vediamo diffondersi anche nel nostro paese come una nuova ideologia e per combatterla anche il cinema può fare la sua parte; l’immagine è l’intuizione più democratica dell’uomo, è per tutti». Ettore Scola
«Le mafie a volte temono molto di più un buon film, di una solo annunciata normativa repressiva. Lo straordinario merito del linguaggio del cinema è quello di impregnare la nostra cultura tanto di denuncia quanto di educazione all’impegno civile». Luigi Ciotti Con a fianco Luigi Ciotti e nel cuore le parole di Ettore Scola, prosegue nel 2018 l’impegno di Libero Cinema in Libera Terra, la carovana di cinema itinerante contro le mafie che ogni estate viaggia per la penisola con un furgone attrezzato con le tecnologie digitali. Attrezzature che consentono in poco tempo di allestire spazi cinematografici temporanei all’aperto, scegliendo luoghi simbolici dove montare schermo e proiettore per portare le emozioni del cinema direttamente alle persone e promuovere l’allargamento degli spazi democratici e la cultura della legalità.

Il cine-furgone, interamente decorato con la grafica del Festival, è già di per sé un evento mentre viaggia per le strade del paese e uno straordinario strumento di comunicazione. Ospita la tecnologia e la troupe del Festival, percorre ogni anno più di 8.000 km portando il suo messaggio nelle piazze, nei parchi, nelle periferie, nelle terre confiscate ai mafiosi e restituite alla legalità.
Viaggio in Italia di Libero Cinema: dal 17 luglio al 5 agosto la carovana viaggerà per le strade del Paese facendo tappa in Lombardia, Liguria, Emilia-Romagna, Toscana, Umbria, Campania, Puglia, Calabria Sicilia. Ogni tappa del Festival è organizzata in stretta collaborazione con le realtà del territorio: associazioni, presidii, cooperative, istituzioni, cittadini responsabili per coinvolgere il maggior numero di cosmocivici, nuovi cittadini del mondo globalizzato convinti che la democrazia si sperimenti nel pubblico confronto, nel bilanciamento delicato fra libertà e regole comuni. Proiezioni, performance, laboratori, incontri sono le varie attività del Festival di cinema itinerante contro le mafie che propone per ogni serata film di impatto, interesse e riflessione per il pubblico.

Per gli aggiornamenti quotidiani e per seguire virtualmente il viaggio della carovana gli
strumenti sono il sito cinemovel.tv, la pagina FB e TW.
Contatti: info@cinemovel.tv – 338.7814778 /335.7202743 /393.4053112

RECUPERO “Carrie lo sguardo di Satana” per “I giardini della paura”

Venerdì 13 vi aspettiamo numerosi per

CARRIE, LO SGUARDO DI SATANA

E a seguire

CINEMAH PRESENTA: MO CARRIE, VEH!

Leo Ortolani Official and Gentleman legge dal vivo le sue mitiche strips. Attenzione, rischierete di morire dalle risate.

Stesso posto e stessa ora

Giardini di San Paolo – ore 21 30

Ingresso libero, certificato decesso gradito.

#giardinidellapaura

Tornano “I Giardini della Paura”, la rassegna Horror delle estati parmigiane

Vi immaginiamo già qui, seduti composti come il miglior pubblico che un cinema possa avere.

E sapete qual è il miglior pubblico per un cinema? Un pubblico di morti, con le orbite vuote che fissano rapite lo schermo senza mai distrarsi in un eterno silenzio, rotto soltanto dal placido ronzio delle mosche, con il dolce odore della putrefazione mischiato al tipico profumo dei popcorn.

Signori cari, la diciannovesima edizione de I Giardini Della Paura sta per cominciare:

Mercoledì 11 luglio
ore 21.30
CARRIE – LO SGUARDO DI SATANA
al termine LEO ORTOLANI CineMAH presenta: MO CARRIE, VEH!

Mercoledì 18 luglio
ore 21.30
RABBIA FURIOSA – ER CANARO Sarà presente il regista SERGIO STIVALETTI

Mercoledì 25 luglio ore 21.30
ONE MAN BUZZ! one man band from hell a seguire WHAT WE DO IN THE SHADOWS – VITA DA VAMPIRO

Mercoledì 1  agosto ore 21.30
DOWNRANGE Anteprima italiana assoluta

Mercoledì 8 agosto ore 21.30
LO STRANO VIZIO DELLA SIGNORA WARDH Sarà presente il regista SERGIO MARTINO

Mercoledì 15 agosto ore 21.30
DEAD SNOW

Mercoledì 22 agosto ore 21.30
LAKE BODOM a seguire THE BRIDE  Anteprima italiana assoluta

Cinema Edison Arena Estiva
Martedì 17  luglio ore 21.30
A QUIET PLACE – UN POSTO TRANQUILLO

Martedì 24  luglio ore 21.30
LA BATTAGLIA DEI DEMONI (Sadako VS Kayako)

Martedì 31 luglio ore 21.30
IT COMES AT NIGHT
VIETATO AI MINORI DI 18 ANNI

I film in programma Cinema Edison

“Si muore tutti democristiani” appuntamento all’astra con gli attori

Il terzo segreto di satira sarà presente alla proiezione del loro film “si muore tutti democristiani” alle 21 al cinema Astra. Dopo il film chiacchere e dibattito